Ti trovi qui: Home » Archivio progetti

SERICS - Progetto PNRR

PROGETTO SAFELY - Social media Awareness For Education and Legal Youth

Il CRID ha partecipato con il Progetto SAFELY - Social media Awareness For Education and Legal Youth ad un bando a cascata promosso dallo Spoke 8 “Risk Management and Governance” della Fondazione SERICS (PE SERICS – PE00000014 – tematica n° 7 “Cybersecurity, nuove tecnologie e tutela dei diritti”).

Nel partenariato SERICS, lo Spoke 8, coordinato dall’Università di Bologna, ha l’obiettivo di contribuire alla sicurezza e resilienza informatica dei futuri sistemi e servizi caratterizzati da componenti digitali sempre più interconnessi e intrinsecamente vulnerabili, proponendo un approccio olistico alla cybersicurezza basato sul rischio che deve includere anche la resilienza, la privacy, e la sicurezza delle organizzazioni, delle industrie, delle infrastrutture critiche e delle relative filiere.

Il Progetto SAFELY - Social media Awareness For Education and Legal Youth proposto dal CRID è risultato vincitore con riferimento al Topic 3.a. “Rule, norms, and policies for the protection of the future society – Centro-Nord” del bando. 

Per il Topic 3.b. “Rule, norms, and policies for the protection of the future society – Sud” sono risultati vincitori i progetti:  ACySeM (Assessing Cyber Security Maturity in National and Legal Frameworks: A Multidisciplinary Approach to Protecting National Critical Infrastructures in Italy and Europe) coordinato dall'Università degli Studi di Palermo (PI: Prof. Giorgio Scichilone) e  ILACY (Italian LAw for a CYber-physical ecosystem) coordinato dall'Università del Salento (PI: Prof. Marco Mancarella)

SAFELY e gli altri due progetti vincitori sulla linea 3 si inseriscono nel Progetto ECOCYBER “Risk management for future cyber-physical ecosystems” coordinato dal Prof. Michele Colajanni per lo Spoke 8 e saranno sviluppati in stretta sinergia ed integrazione con le attività del Work Package 4 (‘Rules for the future society’) coordinato dalla prof.ssa Raffaella Brighi (Univ. di Bologna).

La durata del progetto SAFELY, avviato a maggio 2024, è di 15 mesi.

Il progetto mira alla promozione della consapevolezza digitale concentrandosi in particolare sulle giovani generazioni.

In un'epoca in cui la tecnologia pervade ogni aspetto della vita dei giovani, SAFELY mira a fornire una formazione completa e attenta rispetto alle sfide e alle opportunità del digitale.

Un tratto distintivo di SAFELY è l'attenzione specifica ai rischi emergenti con moduli che aiuteranno i giovani a riconoscere, prevenire e affrontare i comportamenti discriminatori e i crimini digitali.

Il progetto si articolerà seguendo quattro obiettivi principali:

  1. Social Media: si mira a fornire una panoramica delle piattaforme di social media, evidenziando opportunità e rischi, con l'obiettivo di sviluppare competenze digitali nei giovani, promuovendo l'uso responsabile e il pensiero critico.
  2. Discriminazioni Digitali: si intende sviluppare un’analisi accurata delle forme di discriminazione digitale, identificando gruppi vulnerabili e promuovendo comportamenti rispettosi, attraverso la ricerca, l'analisi di casi e lo sviluppo di strumenti educativi.
  3. Reati informatici e cybercrimes : ci si propone di esplorare la natura degli illeciti informatici, focalizzando l’attenzione in particolare sull'impatto sui minori.  Il progetto prevede l'analisi dei dati sugli illeciti, lo sviluppo di simulazioni interattive, percorsi e laboratori di formazione su come gestire e prevenire questi crimini.
  4. Privacy: si punta a informare sugli aspetti legali della privacy online e promuovere la comprensione e il rispetto della stessa tra i giovani, attraverso lo sviluppo di azioni e pratiche per la protezione dei dati personali.

Con SAFELY, il futuro digitale dei giovani diventa un terreno fertile per l’apprendimento e la connessione consapevole, creando le basi per una società digitale rispettosa dei diritti fondamentali e caratterizzata da buone pratiche di relazione.

Componenti del Gruppo di progetto: Prof. Thomas Casadei (Ordinario di Filosofia del diritto presso il Dipartimento di Giurisprudenza, Direttore del CRID), Prof. Gianfrancesco Zanetti (Ordinario di Filosofia del diritto presso il Dipartimento di Giurisprudenza), Prof.ssa Claudia Canali (Associata di Sistemi di elaborazione delle informazioni presso il Dipartimento di Ingegneria “Enzo Ferrari”), Dr.ssa Rosaria Pirosa (Ricercatrice t.d. art. 24 c. 3 lett. A di Filosofia del diritto presso il Dipartimento di Giurisprudenza), Dr. Mauro Andreolini (Ricercatore Universitario di Informatica presso il Dipartimento di Scienze Fisiche, Informatiche e Matematiche sede ex-Matematica).